INOTRUF presenterà i suoi prodotti alla Fiera di Sant Miquel – Eurofruit

INOTRUF è un’azienda dedicata alla produzione di piante micorrizate con tartufo nero (T. melanosporum) e tartufo estivo (Tuber aestivum, T. uncinatum). Abbiamo gli impianti più moderni per la produzione di piante micorriziche di alta qualità.

Disponiamo di 1400 m2 di serre dedicate alla pre-germinazione e alla germinazione dei semi così come alla crescita della pianta inoculata. Il nostro desiderio di innovare e continuare a posizionarci come riferimento nazionale e internazionale ci ha portato a dotarci delle più moderne tecnologie. Nel nostro laboratorio effettuiamo controlli interni di qualità delle piante, in conformità con i requisiti del mercato.

La nostra principale preoccupazione è quella di ottenere un alto livello di qualità dei prodotti che lasciano il nostro vivaio. Siamo a vostra disposizione per soddisfare le vostre esigenze, desideri e richieste speciali. Faremo del nostro meglio per soddisfare le vostre esigenze.

Vi offriamo una vasta gamma di prodotti, sostenuti da un team che si caratterizza per la sua professionalità, il trattamento cordiale e lo spirito di servizio.

Potete trovarci a:
Web: www.inotruf.com
Facebook: @InotrufPlantasTruferas
Instagram: @inotruf


Informazioni fornite dall’azienda espositrice.

La Fiera di Sant Miquel e Eurofruit raggiungono l’88% di tasso di occupazione

Entrambe le fiere si terranno dal 30 settembre al 3 ottobre e si svolgeranno di persona.

La Fiera Agricola di Sant Miquel e il salone Eurofruit hanno già raggiunto l’88% di occupazione dello spazio espositivo lordo totale (64.000 m2), con due mesi di anticipo. La 67ª edizione della Fiera Agricola di Sant Miquel (Salone Nazionale delle Macchine Agricole) e la 36ª edizione di Eurofruit (Fiera professionale per i fornitori dell’industria della frutta) si terranno dal 30 settembre al 3 ottobre nelle strutture della Fira de Lleida.

Il direttore generale della Fira de Lleida, Oriol Oró, crede che il tasso di contrattazione sia corretto, considerando le circostanze attuali, ed è fiducioso di poter tenere “una buona fiera di persona, a condizione, naturalmente, che le condizioni e le linee guida sanitarie in vigore in quelle date lo permettano”. Oró ricorda che Sant Miquel ed Eurofruit costituiscono una piattaforma importante per sostenere il mondo agricolo, soprattutto in questi tempi di pandemia, e che Fira de Lleida “sta facendo un grande sforzo per garantire lo svolgimento di una fiera attraente, completa e sicura”.

Vale la pena ricordare che l’evento avrà una soluzione pionieristica di intelligenza artificiale implementata dalla Fira de Lleida per garantire la sicurezza sanitaria di espositori e visitatori. Si tratta di un sistema di videocamere che controllerà le persone che entrano ed escono dal quartiere fieristico e le avvertirà automaticamente in tempo reale quando i protocolli di capacità, distanza sociale, uso di maschere, ecc. non sono rispettati, in modo che il personale di sicurezza possa agire per correggere la situazione.

Sant Miquel ed Eurofruit presenteranno un’ampia esposizione incentrata su macchinari agricoli, agricoltura di precisione, attrezzature e servizi per l’agricoltura e l’allevamento, prodotti agroalimentari locali, automotive, servizi finanziari e assicurazioni.

La Fiera Agricola di Sant Miquel ed Eurofruit ospiterà un gran numero di espositori dalla Spagna e da altri paesi europei, secondo le previsioni della Fira de Lleida, con un programma di attività parallele che includerà seminari tecnici, conferenze, presentazioni, dimostrazioni di droni nel campo dell’agricoltura di precisione e incontri professionali, tra gli altri.

Le due fiere saranno anche lo scenario della 50ª edizione del Premio del libro agricolo, del valore di 3.000 euro, e della 6ª edizione del Premio dell’articolo tecnico agricolo, del valore di 1.000 euro.

Macchinari per noci e frutta secca, presenti alla Fiera di Sant Miquel – Eurofruit

Il settore della frutta secca sarà presente alla Fiera di Sant Miquel e al salone Eurofruit con diverse aziende espositrici, che presenteranno macchinari per la raccolta, la lavorazione e la post lavorazione di questi prodotti. Le noci e la frutta secca stanno guadagnando importanza nelle ultime edizioni del salone di Lleida grazie alla partecipazione di aziende di commercializzazione di attrezzature e noci, così come l’organizzazione di conferenze e presentazioni dedicate a questi prodotti.

L’edizione di quest’anno vedrà anche la presenza di aziende come Renatus Agro, una prestigiosa azienda specializzata in tutti i tipi di attrezzature (raccolta, lavorazione e post lavorazione) per mandorle, nocciole, pistacchi e altra frutta secca. L’azienda di La Mancha è specializzata in macchinari per il pistacchio (con attrezzature per separare i rametti, pelare, pulire, eliminare i vuoti, calibrare ed essiccare i pistacchi).

Noci, un’alternativa per il futuro
Negli ultimi anni, il forte aumento della domanda internazionale ha fatto sì che gli agricoltori catalani, soprattutto a Lleida, abbiano aumentato la loro produzione di noci. Alcuni fattori che hanno portato a scommettere su queste colture è la vasta conoscenza che gli agricoltori hanno, così come la disponibilità di migliaia di ettari che stanno entrando irrigazione nel settore del canale Segarra-Garrigues, che forniscono grandi opportunità per implementare le colture con rendimenti economici superiori a quelli di frutta dolce.

D’altra parte, le varietà tradizionali di mandorla —la largueta e la marcona— vengono sostituite da altre varietà simili che hanno vantaggi come il fatto che sono a fioritura tardiva, il che permette loro di sfuggire al gelo, o che sono autofertili, il che risparmia gli interventi di fertilizzazione, che possono essere complicati dal tempo o dalla mancanza di fertilizzanti. Infatti, le noci in generale soffrono meno il maltempo.

Bisogna ricordare che la coltivazione di mandorli, noci e noccioli è profondamente radicata in Catalogna (i primi due nella provincia di Lleida e i secondi nella provincia di Tarragona) e che la Spagna è il terzo produttore mondiale di mandorle e il quinto di nocciole.

Previsioni per la stagione 2020-2021
Secondo il Ministero dell’Agricoltura, la previsione del raccolto di mandorle per la campagna 2020-2021 è di 353.705 tonnellate in guscio, il 4% in più rispetto alla campagna precedente, mentre la previsione per la nocciola è di 12.324 tonnellate, l’1,6% in più della scorsa stagione. Ha anche evidenziato l’importanza dell’agricoltura biologica, dove la frutta secca rappresenta il 30% della superficie totale in colture permanenti biologiche.

Bisogna ricordare che, a causa delle difficoltà del settore derivanti dalla crisi sanitaria del Covid-19 (che ha ridotto il commercio internazionale, e ha portato a un calo dei consumi negli stabilimenti di ristorazione), il settore ha diverse misure di aiuto promosse dal governo centrale, come i finanziamenti alle imprese colpite dalla crisi.

Il ministero ha anche incoraggiato le organizzazioni di produttori (OP) di frutta e verdura a massimizzare l’uso dei fondi comunitari. Anche se il livello di integrazione delle OP a livello settoriale è aumentato negli ultimi anni fino a raggiungere il 50%, ci sono ancora differenze a seconda dei prodotti. Così, mentre il 68% della produzione di mandorle è integrata nelle OP, in altre colture in espansione (pistacchio e noce) la commercializzazione attraverso queste figure non raggiunge il 2% della produzione.

Il ministero ha anche presentato un’analisi della superficie piantata, che ha indicato che la mandorla rappresenta il 21% della superficie totale dichiarata di questo tipo di coltura, mentre il pistacchio rappresenta il 67% e la noce il 36%, in un’espansione favorita dalla crescente domanda europea.

Il ministero ha anche sottolineato l’importanza dell’agricoltura biologica, dove la frutta secca rappresenta il 30% della superficie totale in colture permanenti biologiche, con una crescita annuale del 9% e un’implementazione attuale del 26%. La produzione biologica è una grande opportunità per questo settore, a causa della minore concorrenza con altri paesi produttori.

La Fiera di Sant Miquel ed Eurofruit sono impegnati nell’agricoltura di precisione

Il settore sta assumendo un ruolo di primo piano nell’area espositiva e nelle attività tecniche che si terranno in parallelo alla fiera.

Anche quest’anno, la Fiera Agricola di Sant Miquel e il salone Eurofruit si concentreranno sull’agricoltura di precisione, una strategia di gestione che raccoglie, elabora e analizza dati temporali, spaziali e individuali e li combina con altre informazioni per supportare le decisioni di gestione in base alla variabilità stimata, migliorando così l’efficienza nell’uso delle risorse, la produttività, la qualità, la redditività e la sostenibilità della produzione agricola. La 67ª edizione della Fiera Agricola di Sant Miquel e la 36ª edizione della fiera Eurofruit si svolgeranno dal 30 settembre al 3 ottobre nel centro espositivo Fira de Lleida.

Il doppio evento agricolo di Lleida ospiterà numerose aziende e innovazioni legate all’agricoltura di precisione in settori come droni, refrigerazione industriale, sistemi di irrigazione, soluzioni informatiche per la gestione di aziende agricole e zootecniche, la gestione dei costi e delle risorse e l’uso di sistemi avanzati di guida GPS per veicoli agricoli, tra gli altri.

L’agricoltura di precisione permette la raccolta di dati geospaziali specifici in tempo reale sui requisiti dei suoli, delle piante e degli animali e la prescrizione e l’applicazione di trattamenti specificamente localizzati per aumentare la produzione e proteggere l’ambiente. In agricoltura, questi controlli di ogni appezzamento di terreno permettono un’attenta gestione della coltivazione, della concimazione, della semina, della falciatura e del raccolto.

Le applicazioni basate sul GPS nell’agricoltura di precisione vengono utilizzate anche nella pianificazione delle colture, nella mappatura topografica, nel campionamento del suolo, nella guida dei trattori, nello scouting delle colture, nelle applicazioni a tasso variabile e nella mappatura delle rese. Inoltre, il GPS permette agli agricoltori di lavorare in condizioni di scarsa visibilità nei campi, per esempio sotto la pioggia, la polvere, la nebbia o il buio.

I principali vantaggi dell’agricoltura di precisione includono l’aumento della redditività, il pieno controllo di tutti i compiti relativi alle colture, il miglioramento della qualità della vita delle persone che lavorano nel settore agricolo e l’aumento dell’automazione. Le nuove tecnologie permettono l’automazione di molti degli aspetti coinvolti nella produzione agricola, il che significa un grande risparmio di tempo e di costi, e il fatto di beneficiare della sostenibilità e dell’ambiente.

Le nuove tendenze dell’irrigazione agricola, alla fiera di Sant Miquel – Eurofruit

L’evento presenterà sistemi di iniezione controllata di fertilizzanti, sonde per misurare l’umidità del sottosuolo, sistemi di irrigazione sotterranea e di pompaggio solare, tra gli altri.

Le nuove tendenze dell’irrigazione agricola avranno un ruolo di primo piano nella Fiera Agricola di Sant Miquel e nel salone Eurofruit, un evento fieristico che avrà luogo dal 30 settembre al 3 ottobre nel centro espositivo Fira de Lleida. Il settore dell’irrigazione —un’area dell’agricoltura che ha beneficiato negli ultimi anni di due grandi progressi generici, la tecnificazione e l’implementazione dell’efficienza energetica— sarà rappresentato da una vasta gamma di servizi e innovazioni presentati da diverse aziende espositrici.

Tra le altre proposte, l’evento ospiterà sistemi per l’iniezione controllata di azoto dai liquami all’irrigazione, sonde di misurazione dell’umidità sotterranea, irrigazione a goccia sotterranea e pompaggio solare.

Le tendenze attuali nel settore dell’irrigazione includono l’implementazione di nuove soluzioni. Così, la telelettura per il controllo delle perdite (la lettura, in tempo reale, dei contatori degli abbonati e con l’applicazione di algoritmi avanzati) permette di controllare le perdite o di avere una previsione della domanda. Questo fattore è essenziale per ottenere una maggiore efficienza, sia idraulica che operativa.

È anche importante l’implementazione dell’irrigazione intelligente (gestione dell’irrigazione secondo le reali necessità delle colture e lo stato di umidità del suolo). In base al telerilevamento e ai sensori installati nei campi, è possibile ottenere il calcolo del bilancio idrico, applicare soluzioni tecnologiche per sapere quando e quanto irrigare al fine di ottimizzare il consumo delle risorse idriche e promuovere così la sostenibilità ambientale.

Il telerilevamento è un progresso importante perché ci fornisce informazioni sullo stato delle colture senza la necessità di impiegare alcuna risorsa. Un ulteriore passo in questa tendenza è la regolazione automatica della programmazione dell’irrigazione attraverso l’applicazione di algoritmi, tenendo conto delle esigenze idriche della coltura, dello stato del suolo e delle previsioni meteorologiche. Il miglioramento della sostenibilità ambientale è uno dei principali vantaggi, dato che l’ottimizzazione del consumo d’acqua riduce anche il consumo energetico utilizzato per il suo pompaggio.

Infine, l’integrazione dei dati di lettura a distanza con i dati di irrigazione intelligente è essenziale, poiché è importante per un migliore processo decisionale essere in grado di vedere tutte le informazioni rilevanti del sistema in tempo reale su una singola piattaforma.

La Fira de Lleida riceve il massimo riconoscimento internazionale per due dei suoi eventi

Certificazione rilasciata dal Ministero dell’Industria, del Commercio e del Turismo spagnolo.

La Fira de Lleida è il sesto ente fieristico in Spagna per numero di fiere internazionali, dopo Madrid, Barcellona, Valencia, Saragozza e Barakaldo.

Il Ministero dell’Industria, del Commercio e del Turismo spagnolo ha assegnato il marchio di internazionalità per il 2021 alle fiere Eurofruit (Fiera professionale per i fornitori dell’industria frutticola) e Municipalia (Fiera internazionale delle attrezzature e dei servizi municipali), una doppia certificazione che rafforza la strategia e la proiezione internazionale della Fira de Lleida.

Questo riconoscimento posiziona la Fira de Lleida come il 6° ente fieristico in Spagna per numero di eventi internazionali, dopo Madrid, Barcellona, Valencia, Saragozza e Barakaldo, e come l’unica fiera in Catalogna con questo marchio di qualità, oltre a Barcellona. La proiezione internazionale della Fira de Lleida si riflette anche con una notevole presenza straniera in eventi come Lleida Expo Tren o Innocamping.

Il sigillo di internazionalità riconosce gli sforzi della Fira de Lleida come agente dinamico e generatore di nuove opportunità commerciali, espandendo i mercati e attirando sia i visitatori che gli espositori stranieri, e permette agli eventi selezionati di entrare nel Calendario Ufficiale delle Fiere Internazionali, che viene pubblicato ogni anno dal Bollettino Ufficiale dello Stato (BOE).

Secondo Oriol Oró, direttore generale della Fira de Lleida, “le fiere internazionali sono uno strumento chiave per la promozione commerciale e il posizionamento della città e del territorio e forniscono maggior valore alle aziende espositrici, in quanto è un incentivo a partecipare” . Oró aggiunge che “siamo lieti di vedere riconosciuto lo sforzo che la Fira de Lleida fa a favore dell’internazionalizzazione delle imprese, e di essere in grado di posizionarci come una delle fiere leader nello Stato”.

Vale la pena ricordare che quest’anno la Fiera di Sant Miquel e Eurofruit si svolgerà dal 30 settembre al 3 ottobre, mentre Municipalia si terrà dal 19 al 21 ottobre.

L’ultima edizione della Fiera di Sant Miquel ed Eurofruit ha ospitato una missione inversa di distributori e importatori del settore agricolo di 9 paesi (India, Panama, Kazakistan, Kenya, Marocco, Serbia, Sudafrica, Uzbekistan e Cile), oltre a una delegazione della Bielorussia. Per quanto riguarda gli espositori, hanno partecipato aziende ed enti da Bielorussia, Egitto, Francia, Olanda, Italia e Portogallo.

D’altra parte, l’ultima edizione di Municipalia ha registrato espositori provenienti da Germania, Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo e Regno Unito, oltre a diverse missioni commerciali. Così, l’Associazione Multisettoriale di Imprese (AMEC Urbis) ha promosso un’azione internazionale con rappresentanti di Francia, Egitto, Marocco, Romania e Tunisia, mentre l’Unione Iberoamericana di Municipalisti (UIM) e la Fira de Lleida hanno organizzato una missione tecnica internazionale composta da rappresentanti di 8 paesi latinoamericani (Bolivia, Colombia, Ecuador, Guatemala, Messico, Perù, Repubblica Dominicana e Cile).

La Fiera di Sant Miquel ed Eurofruit rimangono in formato digitale

Nonostante la volontà degli organizzatori, l’evoluzione della pandemia e la conseguente incertezza generatasi nel settore commerciale rendono sconsigliabile il mantenimento del classico approccio del Lleida show

La Fiera Agricola di Sant Miquel ed Eurofruit si svolgerà quest’anno nella sua forma più insolita, senza espositori fisici e “riconvertita” in un evento digitale che offrirà un catalogo online degli espositori, promosso attraverso le reti, e varie attività tecniche attraverso Internet, come conferenze e conferenze (eccezionalmente alcuni eventi si svolgeranno di persona). La Commissione Delegata della Fondazione Fira de Lleida, “nonostante l’enorme sforzo tecnico, economico e umano” compiuto dall’ente fieristico per la realizzazione della manifestazione, ha preso questa decisione dopo aver valutato in modo approfondito la situazione attuale e dopo aver sondato il settore, che vede con incertezza l’attuale evoluzione della pandemia e le misure che le autorità sanitarie possono adottare quotidianamente.

Jaume Saltó, presidente della Commissione Delegata della Fondazione Fira de Lleida e della Camera di Commercio di Lleida, ha spiegato che i datori di lavoro della Fondazione Fira de Lleida hanno concluso che, nonostante il raggiungimento dell’85% dell’area espositiva riservata all’estate, l’incertezza causata dalla situazione sanitaria del settore non garantisce una fiera con i giusti contenuti e la massa critica di visitatori. Saltó ha spiegato che la situazione sanitaria fino ad oggi genera molti dubbi e che, a fronte di un futuro prossimo poco chiaro, nell’ultima settimana molte aziende hanno mostrato reticenza ad esporre.

Saltó ha anche deplorato la perdita dell’impatto economico positivo che la Fiera di Sant Miquel ed Eurofruit generano sul territorio, valutato a circa 8 milioni di euro in settori così duramente colpiti come i servizi per le fiere (montaggio di stand, sicurezza, ecc.), l’industria alberghiera e della ristorazione, i trasporti e il commercio, tra gli altri.

Per quanto riguarda l’organizzazione dell’edizione di quest’anno, i rappresentanti di Fira de Lleida hanno spiegato che nel corso del primo semestre dell’anno si sono svolti i lavori commerciali di Fira de Lleida e l’affitto di spazi da parte delle aziende (raggiungendo il già citato 85%), assunte con la volontà di partecipare alla fiera ma con l’incognita dell’evoluzione della pandemia e della situazione reale nel mese di settembre. Il 22 luglio, il Piano Territoriale di Protezione Civile della Catalogna (Procicat) ha approvato un piano specifico per le fiere, e durante il mese di agosto Fira de Lleida ha lavorato sotto pressione e incertezza per trovare e contattare fornitori di tecnologia che permettessero loro di rispettare il regolamento e tenere la fiera con garanzie, e l’intera manifestazione è stata ridefinita e adattata al nuovo protocollo.

Il 2 settembre, il piano della manifestazione è stato presentato alla Commissione Delegata di Fira de Lleida e la celebrazione della manifestazione è stata approvata con le misure adottate per garantire il rispetto della normativa Procicat. La Commissione ha poi informato il settore delle caratteristiche del nuovo approccio alla manifestazione, che ha espresso le sue preoccupazioni e i suoi timori sulla situazione presente e futura della pandemia e ha messo in discussione la fattibilità della manifestazione con le misure richieste dal Procicat.

Gli istituti membri del Consiglio di fondazione della Fira de Lleida ribadiscono che, proprio a causa della situazione economica generata dalla pandemia di Covidien-19, in questi mesi è stato fatto un grande sforzo per poter tenere l’edizione di quest’anno di Sant Miquel ed Eurofruit con le massime garanzie di sicurezza, considerando questi spettacoli come una leva per la riattivazione economica e la generazione di fiducia delle imprese, oltre che un segno del progressivo ritorno alla normalità. In questo senso, si è pensato di implementare un sistema all’avanguardia con Intelligenza Artificiale per assicurare la conformità e la tracciabilità delle misure previste dal piano d’azione Procicat e garantire la sicurezza dei visitatori, degli espositori e degli organizzatori.

Attività tecniche e professionali

D’altra parte, Fira de Lleida ritiene che, al di là dei limiti di questa soluzione, sia opportuno tenere la Fira de Sant Miquel in questo formato fondamentalmente digitale per mantenere almeno il ruolo di piattaforma formativa e informativa che la manifestazione ha avuto per decenni e “per rispetto” degli enti che hanno lavorato in questi mesi per organizzare le attività tecniche di questa edizione.

In questo senso, il direttore generale di Fira de Lleida, Oriol Oró, ha annunciato che sono già state programmate diverse attività in formato digitale, che possono essere seguite in streaming, interagendo via chat, e che saranno poi conservate sul sito web per eventuali consultazioni future.

Ci saranno anche alcuni eventi faccia a faccia, come la visita della missione commerciale bielorussa (con incontri d’affari e una presentazione d’affari). In questa visita della delegazione dell’ex Repubblica Sovietica spicca la costituzione della prestigiosa azienda produttrice di trattori MTW, la quinta al mondo per importanza nel suo settore, e che viene presentata “ufficialmente” a Lleida come porta d’ingresso per la commercializzazione in Spagna e nell’Europa meridionale.

Saranno inoltre consegnati personalmente il 49° Premio del libro agricolo e il 5° Premio dell’articolo tecnico agricolo, del valore di 4.000 euro, organizzati ogni anno nell’ambito della fiera Lleida. L’evento si terrà il 25 settembre. Le attività si svolgeranno a La Llotja de Lleida e presso la sede di Magical Media.

La 66° edizione della Fiera Agricola di Sant Miquel e la 35° edizione di Eurofruit Fair si svolgeranno dal 24 al 27 settembre.

La Fiera de Sant Miquel rivendica il suo ruolo di motore economico senza rinunciare alla sicurezza

Gli organizzatori dicono che sarà un punto di riferimento per il resto del mondo fieristico

Utilizzerà un innovativo sistema di intelligenza artificiale per rilevare e monitorare il rispetto delle norme di prevenzione, mitigazione e contenimento dell’epidemia in tempo reale

Questa edizione è rivolta in particolare ai “visitatori realmente interessati ad acquistare”

La Fiera Agricola di Sant Miquel e il salone Eurofruit non possono rinunciare al loro ruolo di motore economico, di dinamizzatore economico e di punto d’incontro d’affari, nonché al ruolo di riferimento per settori come l’agricoltura, l’allevamento e l’industria automobilistica, garantendo la sicurezza sanitaria delle persone in ogni momento di fronte alla minaccia della Covid-19. Così si è espresso oggi il Sindaco di Lleida e Presidente del Consiglio di Amministrazione di Fira de Lleida, Miquel Pueyo, che ha fatto il punto della situazione sulla riunione della Commissione Delegata della Fondazione Fira de Lleida in merito alla prossima edizione di Sant Miquel ed Eurofruit. Pueyo ha ricordato il valore di qualsiasi azione volta alla ripresa dell’economia in questo momento, e ha ricordato il grande impatto economico che la fiera ha per i settori partecipanti e per il territorio nel suo complesso.

Il sindaco ha detto che la fiera di Lleida, che quest’anno implementerà un sistema innovativo di Intelligenza Artificiale per garantire il rispetto dei protocolli sanitari, diventerà anche un modello pionieristico da seguire per altri eventi fieristici nel paese. Vale la pena ricordare che la fiera agricola si terrà dal 24 al 27 settembre presso il centro fieristico Fira de Lleida.

Il presidente della provincia di Lleida, Joan Talarn, ha sottolineato la responsabilità delle istituzioni patrocinatrici della Fira de Lleida sia in termini di sicurezza dei cittadini che di promozione economica del territorio, sottolineando anche che questa edizione di Sant Miquel ed Eurofruit può diventare un modello da seguire per il resto delle fiere della provincia di Lleida.

Ramon Farré, delegato del governo della Catalogna a Lleida, ha sottolineato che le rigorose misure di sicurezza che saranno messe in atto (controllo della capacità, uso di maschere, distanza sociale) saranno associate ad un controllo della tracciabilità di tutte le persone che entreranno in fiera per evitare il contagio in caso di rilevamento di uno positivo, e ha aggiunto che le attività come le conferenze tecniche saranno particolarmente controllate, “e molte saranno fatte anche telematicamente”.

“Grandi notizie per la città, per il tessuto imprenditoriale del territorio e per il Paese”. Jaume Saltó, presidente della Camera di Commercio di Lleida, ha dichiarato che la celebrazione della Fiera Agricola di Sant Miquel ed Eurofruit segna una pietra miliare nell’inizio della ripresa economica e che rappresenta una grande opportunità di business per le aziende dei settori rappresentati in fiera che hanno avuto poca attività commerciale negli ultimi mesi.

Infine, il direttore generale di Fira de Lleida, Oriol Oró, ha spiegato le pionieristiche soluzioni di Intelligenza Artificiale che saranno applicate alla Fiera di Sant Miquel, con un sistema di videocamere che monitorerà le persone che entrano ed escono dal quartiere fieristico e avviserà automaticamente in tempo reale quando i protocolli per la capacità, la distanza sociale, l’uso delle maschere, ecc. non sono rispettati, in modo che il personale di sicurezza possa agire per correggere la situazione.

Oró ha aggiunto che si tratta di una manifestazione che risponde a diversi settori economici (macchine e servizi agricoli, automobili, macchine per l’ingegneria civile, ecc.) e che quest’anno “si rivolge a visitatori realmente interessati ad acquistare più di un pubblico che vuole venire solo per una passeggiata”.

Va ricordato che il sistema di sicurezza sanitaria da installare in fiera è costituito da una serie di telecamere con un sofisticato sistema algoritmico, progettate per rilevare, gestire gli allarmi e notificare in tempo reale i responsabili della fiera, in modo che possano agire e garantire la protezione delle persone quando non vengono rispettati gli standard di sicurezza di base: distanza sociale, misurazione, uso di maschere e controllo della temperatura corporea.

Quando il software rileva che una delle regole non è stata completata, genera un avviso e invia una notifica ai responsabili della Fira de Lleida. I lavoratori interni o i dipendenti individuati dal sistema comunicano l’infrazione ed eseguono le relative azioni secondo il protocollo stabilito da turni e/o canali di comunicazione, implementato attraverso messaggi push dall’app, SMS o e-mail, sempre aiutati dal pannello di controllo che prevede la gestione di telecamere per le scene e mappe termiche per la visualizzazione per aree.

Questo software, sviluppato da AI.JUST, spin-off della società Just Digital di Lleida, è la prima soluzione tecnologica, pioniera in Spagna, in grado di identificare in tempo reale i quattro principali standard di sicurezza necessari per la prevenzione, la mitigazione e il contenimento di Covid.

Novità nel campo dell’irrigazione alla Fiera di Sant Miquel – Eurofruit

Saranno presentati, tra gli altri, sistemi di iniezione controllata di fertilizzanti, sonde per la misurazione dell’umidità nel sottosuolo, impianti di irrigazione sotterranea e di pompaggio solare

La Fiera Agricola di Sant Miquel e la fiera Eurofruit, che si terrà dal 24 al 27 settembre, offriranno un’ampia gamma di servizi e novità legate all’irrigazione. L’iniezione controllata di fertilizzante (azoto) da liquami in irrigazione, le sonde per misurare l’umidità del sottosuolo, l’irrigazione a goccia sotterranea, il pompaggio solare – tutti sistemi appartenenti all’orbita dell’agricoltura di precisione – saranno alcuni dei protagonisti dell’edizione di quest’anno di Sant Miquel ed Eurofruit. Il settore dell’irrigazione sarà rappresentato all’evento da diverse aziende specializzate, tra cui R.S. Agrotécnica del Segrià, Ongrub Medi Ambient e Hidromatic Ponent, SL.

L’irrigazione è un settore dell’agricoltura che si sta sempre più professionalizzando e che negli ultimi anni ha beneficiato di due importanti progressi generici, la tecnica e l’implementazione dell’efficienza energetica. Il settore ha subito una evidente trasformazione, più forte nelle grandi aziende agricole, spesso oggetto di importanti investimenti, e più lenta nelle piccole e medie aziende agricole, dove le attrezzature obsolete e l’ostacolo del cambio generazionale rendono difficile la modernizzazione.

Hidromatic de Ponent presenterà un programma per l’iniezione di liquame nelle aziende frutticole (precedentemente sviluppato nel settore dei cereali), sviluppato in collaborazione con il Dipartimento dell’Agricoltura, dell’allevamento, della pesca e dell’alimentazione, che, adeguandosi alla nuova normativa, permette di sostituire il metodo tradizionale di applicazione casuale di questi rifiuti organici con un metodo di precisione. Così, attraverso un conduttometro, è possibile calcolare esattamente il valore di fertilizzante del liquame in azoto e quindi l’esatta quantità applicata in ogni operazione di irrigazione, evitando l’eccesso o la mancanza di fertilizzante (non si tratta più di litri d’acqua con il liquame applicato, ma di chili di azoto introdotto). Normalmente viene applicato attraverso l’irrigazione a pioggia, anche se ora si stanno effettuando dei test con il sistema a goccia.

L’azienda presenterà inoltre un sistema di iniezione d’aria nei serbatoi per ossigenare l’acqua e prevenire l’eutrofizzazione (un processo di inquinamento causato principalmente dalla mancanza di ossigeno e dall’eccesso di nutrienti nell’acqua, con la conseguente massiccia proliferazione di alghe, l’accumulo di fanghi, ecc.)

Da parte sua, la ditta Ongrub Medi Ambient presenterà a Sant Miquel – Eurofruit sistemi per il controllo remoto dell’irrigazione attraverso vari prodotti (via radio, cavo singolo o GPRS) e utilizzando un personal computer. Attraverso un collegamento con un PC, è possibile avere informazioni specifiche sul sistema (storia, incidenti, situazione dell’irrigazione, ecc.) e modificare parametri, programmi, ecc. Questi sistemi sono adattati alle diverse esigenze degli utenti (siano essi comunità di irrigazione, aziende agricole o parchi e giardini) e per tutti i tipi di irrigazione (a goccia, a pioggia, sotterranea, ecc.).

Ongrub lavora anche nel campo dei sistemi di pompaggio solare applicati all’irrigazione agricola e ha già installato circa 200 ettari.

R.S. Agrotécnica del Segrià presenterà un’ampia varietà di sistemi di efficienza energetica e di automazione applicati all’irrigazione. Come novità, spiccano le sonde per la misurazione dell’umidità, che registrano la disponibilità di acqua nel sottosuolo e la facilità dell’impianto ad assorbirla, e di conseguenza permettono di sapere quanto e quando è necessario irrigare. I registri possono essere consultati anche dal cellulare con un’applicazione specifica. Ovviamente, si tratta di sistemi che cercano anche l’efficienza nel consumo di acqua, in quanto consentono l’applicazione della quantità strettamente necessaria per l’impianto.

Questi dispositivi permettono di regolare l’esatta dose di acqua necessaria alla pianta, considerando che una carenza può ostacolare la crescita della pianta (e del frutto o del seme), ma un eccesso può danneggiarla in quanto trascina i nutrienti e influisce sulla qualità organolettica del prodotto.

L’azienda offre anche impianti di pompaggio solare “pratici, efficienti e competitivi” adatti a tutti i tipi di aziende agricole, dalle grandi aziende agricole ai piccoli frutteti.

Il pompaggio solare è un sistema che cerca l’efficienza estraendo o spingendo l’acqua in un dato luogo con l’energia solare fotovoltaica – grazie all’utilizzo di pannelli solari e di un convertitore che permette di utilizzare l’energia catturata dai pannelli -, sostituendo la tradizionale alimentazione attraverso la rete elettrica o con generatori diesel, con il suo corrispondente costo economico in elettricità o carburante.

Per quanto riguarda l’irrigazione a goccia interrata, ha il vantaggio di richiedere meno pressione (circa la metà) rispetto all’irrigazione a pioggia, di risparmiare energia e acqua (in quanto ha meno perdite), di non ostacolare le macchine che lavorano in superficie e di non poter essere danneggiate dall’azione degli animali. Allo stesso tempo, però, ha un costo di installazione più elevato, una durata di vita più lunga, è complicato individuare i guasti, non è fattibile per tutti i tipi di terreno e richiede una coltivazione più superficiale, in quanto i tubi sono interrati a bassa profondità.

La 66° edizione della Fiera Agricola di Sant Miquel e la 35° edizione della fiera Eurofruit si svolgeranno dal 24 al 27 settembre nel quartiere fieristico di Lleida.

Conferenze virtuali e gare di droni alla Fiera di Sant Miquel – Eurofruit

L’Associazione LleidaDrone presenterà alla fiera soluzioni di diverse aziende per aiutare nella lotta alla pandemia e si concentrerà sull’agricoltura di precisione

L’Associazione LleidaDrone, con sede nel Parco Scientifico Lleida, sarà presente quest’anno alla Fiera di Sant Miquel – Eurofruit con una serie di attività incentrate in gran parte sul contributo di questa tecnologia alla lotta contro Covid-19. Le proposte che LleidaDrone svilupperà nell’ambito della fiera, adattate alle attuali condizioni sanitarie, avranno come secondo filo conduttore l’agricoltura di precisione, in linea con le precedenti edizioni. La 66° edizione della Fiera Agricola di Sant Miquel e la 35° edizione della fiera Eurofruit si svolgeranno dal 24 al 27 settembre.

La 13° Conferenza Professionale e Dilettantistica di LleidaDrone avrà quest’anno un format online, e consisterà in una serie di lezioni preregistrate che saranno presentate in streaming durante la fiera a tutti attraverso Youtube e Facebook.

Le presentazioni mostreranno gli ultimi progressi nel settore dei droni, sottolineando due argomenti, le nuove applicazioni specifiche di questi dispositivi nell’agricoltura di precisione e le numerose applicazioni che si stanno realizzando per aiutare nella lotta contro il coronavirus, come la pulizia degli spazi aperti con sistemi di irrigazione di sostanze contro il virus e il controllo della capacità sulle spiagge e altri spazi suscettibili di affollamento con telecamere e sistemi di intelligenza artificiale.

Inoltre, LleidaDrone avrà uno stand dove esporrà i suoi progetti e uno spazio con una rete di volo di droni in cui verranno effettuate continue dimostrazioni in tutta la fiera, compresi i droni professionali, i giocattoli e i droni da corsa. Tra le altre attività, i piloti del LleidaDrone Racing Team faranno delle gare dimostrative.

Quest’anno sono state sospese le attività con i bambini, come i droni volanti o il gioco con il “Simulatore di Pagès”, per evitare possibili infezioni causate dalla condivisione di materiali.

L’Associazione LleidaDrone è stata fondata nel 2011 presso il Parco Scientifico e Tecnologico di Lleida e ha sviluppato più di 70 eventi a Lleida, nel resto della Spagna e in diversi paesi europei, sempre con la filosofia di offrire attività senza scopo di lucro per la diffusione di progetti di droni e tecnologia.

Va ricordato che la Fiera di Sant Miquel ed Eurofruit mantengono un normale tasso di contrattazione, attualmente superiore al 75%, dato che – nonostante la crisi sanitaria registrata quest’anno – le severe misure di sicurezza che la Fira de Lleida attuerà e il fatto che la Fiera di Lleida sia il primo grande evento agricolo che si terrà quest’anno in Spagna, hanno favorito l’interesse degli espositori a partecipare alla fiera.

I settori rappresentati in entrambi gli eventi sono trattori, macchine agricole, agricoltura di precisione, attrezzature e servizi per l’agricoltura e l’allevamento, prodotti alimentari locali, industria automobilistica, servizi finanziari e assicurazioni.